Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Assicurare l'acqua a tutti

Newark 23.10.2020 Jpic-jp.org Tradotto da: Jpic-jp.org

Il diritto di tutti all'acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari è stato riconosciuto dall'Assemblea generale dell'ONU nel 2010. Un gruppo di esperti avviato dalla Coalition Eau (Coalizione Acqua) e dalla Fondation France Libertés (Fondazione Francia Libertà), ha lavorato per due anni all'effettiva attuazione di questo diritto in Francia e alla sua integrazione nella legislazione francese.

Questo lavoro ha portato allo sviluppo d'un testo filosofico e d'un testo giuridico che si è concretizzato in un progetto di legge presentato al parlamento francese.

Nel settembre 2013, l'Assemblea nazionale francese ha così registrato il disegno di legge n° 1375 volto all'effettiva attuazione del diritto umano all'acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari in Francia. Dopo mesi di confronto e di lavoro con i vari rappresentanti, è stata presentata una nuova proposta di legge, la n°2715.

Su questa base, il 23 marzo 2020, i membri della Water Coalition e della Fondazione France Libertés, affinché questo diritto sia riconosciuto a tutti, hanno lanciato l'Appello per la sicurezza idrica per tutti gli abitanti della Terra (Appel pour la sécurité hydrique de tous les habitants de la Terre).

Scrivono in particolare: “Che acqua! Che acqua! Sul nostro pianeta blu! Ma quale acqua? Per chi? In che momento? A quali condizioni? Queste sono domande vitali per il futuro dell'umanità. Il disastro sanitario causato dal coronavirus è al centro delle preoccupazioni odierne. La crisi climatica che è già iniziata avrà anche conseguenze planetarie catastrofiche per i più fragili degli abitanti della Terra. Nell'ambito delle lezioni da trarre da ciò che sta accadendo, e da ciò che verrà, è essenziale garantire la nostra sicurezza collettiva, che è gravemente minacciata dalla crescente scarsità d'acqua, essenziale per ogni tipo di vita. Questo è ciò che ci porta a proporre la creazione di un Consiglio di cittadini per la sicurezza dell'acqua (Conseil citoyen de sécurité de l’eau) a tutti i livelli: locale, regionale, nazionale, continentale, ma anche globale”.

L'ONU "stima che, se non cambiamo rotta, entro il 2030 il pianeta dovrà affrontare una scarsità d'acqua del 40%. Già oggi si fa sentire. La siccità non colpisce solo le regioni note per la mancanza d'acqua, ma anche il Belgio, la Francia, l'Italia settentrionale e la Germania. Tuttavia, stiamo continuando a depredare le risorse idriche senza limiti né coscienza”.

Una delle più grandi miniere di carbone del mondo, El Cerrejon della Colombia, consuma 34 milioni di litri d'acqua al giorno, mentre la Vallonia (che ha 3,8 milioni di abitanti) necessita tutti i giorni di 452 milioni di litri d'acqua per tutte le attività combinate (bevande, igiene, salute, cibo, alloggio, attività industriali, servizi, ecc.).

"Fino a poco tempo l'acqua era considerata una risorsa abbondante, e le autorità e gli attori economici non sembravano mostrare alcuna preoccupazione per i miliardi di persone senza accesso all'acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari, come avviene ancora oggi rispettivamente per 2,1 e 4,2 miliardi di esseri umani”.

Il mondo degli affari, invece, colloca oggi l'insicurezza idrica e i suoi effetti tra le cinque principali sfide globali per gli anni a venire. “Ma i politici sembrano preoccuparsi solo della sicurezza dell'approvvigionamento idrico per l'economia. Infatti, se manca l'acqua, che ne sarà delle grandi multinazionali come Coca-Cola, Nestlé, Danone, Unilever, Solvay, Arcelor-Mittal, BASF, gli sport invernali, la pasta Barilla, l'industria del cemento, la produzione di micro circuiti, la produzione di energia idroelettrica?".

La sicurezza idrica rischia di diventare oggetto di riappropriazione da parte dei gruppi economici e finanziari (sicurezza per l'economia) e degli Stati più potenti per ragioni geopolitiche (la cosiddetta sicurezza nazionale). Se così fosse, il mondo si troverebbe di fronte a nuove "guerre per l'acqua", più devastanti di quelle che abbiamo visto nei secoli passati.

“Dobbiamo quindi prepararci?". Le guerre per l'acqua sono prevenibili, ma abbiamo bisogno di "una vera cultura e una politica di sicurezza dell'acqua" che miri "alla sicurezza collettiva, integrando una visione e uno scopo di vita dignitoso per tutti gli abitanti della Terra".

"L'umanità e le altre specie viventi non hanno bisogno di conflitti su questa risorsa, ma nuove regole, leader che intendono costruire un mondo diverso, meno violento e che eviti il ​​degrado in corso".

Quindi ecco “questo appello alla mobilitazione senza frontiere a favore della sicurezza idrica per tutti. Non lasciamo che l'usurpazione dell'acqua in nome degli interessi più forti prenda il sopravvento sul destino della Terra. La giustizia dell'acqua per tutti gli abitanti della terra richiede urgentemente un grande atto di coraggio politico globale: la sicurezza planetaria della prima res publica del mondo che è acqua per la vita".

Unitevi a noi! Contattoevanpoel@hotmail.com (Gruppo di lavoro ecoresiliete d’Etopia).

 

Lascia un commento

I commenti dai nostri lettori (1)

Paul Attard 30.10.2020 Of all the numerous so-called "rights" that proliferate these days, this one must surely come near the top of the list, along with 'right to life' because without decent water to drink there is no life. Unfortunately, human greed will often trump availability of water. It will have to take a major crisis on a pandemic level for humans to realise the value of water. From the Aral Sea to Lake Chad, from the river Nile to the Tigris/Euphrates man has exploited the environment and the tragic results are to be seen. But, this is one positive 'small step for mankind' that brings hope for the future.