Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Il mercato dei matrimoni, dove le mucche vengono scambiate con le donne

Juba - Sunday Times 25.12.2022 Louise Callaghan Tradotto da: Jpic-jp.org

Il bestiame è una moneta di alto valore in Sud Sudan. Gli uomini cercano disperatamente una mandria da usare come dote, ma senza che le loro spose abbiano molta voce in capitolo.

Nei dieci anni in cui Dau Deng ha cercato l'amore, un fattore ha ostacolato i suoi sogni e li ostacola ancora. Il bestiame. O meglio, la mancanza di bestiame.

Per due volte, il laureato ha visto le sue fidanzate date in sposa a malincuore a qualcun altro perché non riusciva a raccogliere il numero spropositato di mucche e tori necessari per pagare la dote in uno dei Paesi meno sviluppati del mondo.

Ora sta per perderne un'altra, i cui genitori hanno chiesto 50 mucche, ciascuna del valore di diverse centinaia di sterline. "Arriverà il momento e lei non potrà più aspettare", ha detto Deng, 32 anni, seduto all'ombra di un albero di mango lungo il Nilo a Juba, la capitale del Sud Sudan. "E andrà con qualcun altro che è capace di pagare".

Nel Sud Sudan, che è diventato uno Stato indipendente solo 11 anni fa, il bestiame non è solo… bestiame. Tra le popolazioni della Valle del Nilo, funziona come fonte di cibo, ma anche come moneta e come conto di risparmio. Il bestiame è la chiave della ricchezza, della sicurezza, della stabilità e del matrimonio.

Radunare, prendersene cura e far pascolare il bestiame è il lavoro di una vita per le comunità pastorali come quella di Deng. È stato così per migliaia di anni. Tuttavia, la storia più recente di violenta instabilità e di disastri naturali ha distrutto molti dei controlli e degli equilibri che tenevano in piedi questa società. Il Paese si è inabissato in una guerra civile subito dopo la formazione dello Stato del Sud Sudan nel 2011. Nel 2018 è stato raggiunto un traballante accordo di pace, ma da allora diverse regioni sono state colpite da un'estrema insicurezza alimentare, esacerbata dai conflitti, dal malgoverno e dalle inondazioni.

Alcuni hanno tratto profitto dal caos. La guerra e gli sfollamenti di massa hanno permesso a ridotte élite militari e politiche di accumulare enormi mandrie di bestiame. Ciò conferisce loro enormi ricchezze e potere, nonché un'effettiva impunità dalle sanzioni internazionali: è quasi impossibile sanzionare qualcuno i cui beni multimilionari pascolano all'interno del Paese, ben al di fuori della portata del sistema bancario Swift.

"Queste poche decine di uomini usano le mandrie di bestiame come conto corrente", ha dichiarato Flora McCrone, ricercatrice specializzata in conflitti pastorali nel Corno d'Africa. "L'equivalente occidentale più vicino che mi viene in mente è l'acquisto di una flotta di lussuose automobili, perché hanno un grande valore e sono uno status symbol".

Quando queste élite vogliono sposarsi, per la prima o la quarantesima volta, sono disposte a spendere cifre enormi per la dote, che tradizionalmente viene pagata in bestiame. Il risultato è un'inflazione sul mercato dei matrimoni.

Le aste per l'acquisto di donne particolarmente idonee possono raggiungere il valore di centinaia di migliaia di sterline, un processo organizzato dalle famiglie, in cui la futura moglie ha poco o nulla da dire. Il prezzo è determinato dall'altezza, dal livello di istruzione e dal background familiare della donna. "Se una donna è molto alta, ben messa, se proviene da buona famiglia e ha buone maniere, ci sarà competizione per lei", mi racconta un potente locale. "Ma secondo me queste competizioni sono ormai fuori controllo".

Quest'anno, una ragazza sud sudanese di 17 anni è stata venduta a un uomo d'affari che aveva tre volte la sua età per 500 capi di bestiame, tre auto di lusso, 10.000 dollari e alcuni telefoni cellulari. È diventata la sua nona moglie. I gruppi per i diritti umani hanno gridato allo scandalo, affermando che la ragazza è stata venduta all'asta in un chiaro caso di abuso di minori.

La sua dote è una somma incredibile in un Paese in cui la maggior parte della gente vive ogni giorno senza sapere da dove verrà il prossimo pasto. Nell'ultimo decennio, in alcune zone la dote media è aumentata da dieci a 60 capi di bestiame, ognuno dei quali può costare da poche centinaia a molte migliaia di sterline. Il valore di un toro o di una mucca è determinato da una classificazione secolare, tra cui la più importante è il colore del pellame. In un modesto accampamento di bestiame alla periferia di Juba, David Makuac, un pastore della comunità BorDinka, ha snocciolato alcuni dei colori più preziosi: machar (nero), marial (bianco e nero) e mabior (bianco).

"Anche le corna sono importanti", aggiunge, mentre indica un suo toro che è stato premiato e che sfoggia un pellame rosso-grigio brillante. "Le corna devono essere né troppo grandi né troppo piccole, e preferisco che una sia piegata e l'altra dritta, perché significa che è un toro che ha una buona salute".

Alcuni sono disposti a pagare qualsiasi qualsiasi prezzo per l'esemplare perfetto. Tempo fa Deng Makuak, uomo d'affari ed ex soldato, ha visto su Facebook la foto di un toro che lo ha lasciato senza fiato. Muscoloso e snello, aveva un manto color piebaldino e corna splendidamente proporzionate. Doveva assolutamente averlo. Dopo un breve periodo di trattative, ha pagato 24 mucche e dieci capre per il toro, pari a circa 22.000 sterline.

La settimana scorsa mi ha mostrato una foto del toro. Indossava una sciarpa della squadra di calcio Inverness Caledonian Thistle, perché a Makuak piaceva la combinazione di colori. "Mi sento orgoglioso di quel toro, perché posso dire che è il migliore", ha detto.

Per la gente comune, spendere tali somme è inimmaginabile. Con l'aumento dei prezzi del bestiame e delle doti, alcuni per disperazione sono ricorsi alla razzia di bestiame. Titas, un allevatore di bestiame, ha detto di conoscere molti che hanno imbracciato le armi per sposarsi. "Il motivo è il prezzo elevato", ha detto in un mercato del bestiame a Juba. Mentre parlavamo, una mandria di mucche passava, sollevando nuvole di polvere rossa.

Sebbene i saccheggi di bestiame abbiano sempre avuto luogo, l'attuale scala è insostenibilmente alta, ha detto McCrone, un analista di bestiame, e viene usata dalle élite per spingere i rivali fuori dalle aree di pascolo e per indebolire le altre comunità.

La leadership del Paese afferma che sta cercando di abbassare i prezzi della dote e di reintrodurre i limiti che un tempo erano comuni, e lo sono ancora in alcune comunità. Quest'estate, il primo vicepresidente Riek Machar ha annunciato di aver accettato un prezzo di 45 capi di bestiame per la mano di sua figlia, invece dei 500 che gli erano stati offerti. Tuttavia, l'impatto sulla società in generale è ancora limitato.

Mentre gli uomini litigano sui prezzi della dote, una minoranza di donne tra le élite istruite si rifiuta di essere venduta per il bestiame. Al concorso di Miss Sud Sudan, tenutosi in un hotel di lusso a Juba la scorsa settimana, un'avvenente laureata ha detto di disprezzare questa pratica. "È uno scambio, del tipo: datemi le mucche, avrete mia figlia", ha detto, aggiungendo poi: "È una vera assurdità".
Vedi, The marriage market where cows are traded for women

Foto. Raccogliere, curare e pascolare è un lavoro di una vita per le comunità pastorali del Sud Sudan © The Sunday Times

Lascia un commento