Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

La guerra civile etiope è alimentata dalle armi delle grandi potenze dell’ONU

IPS - UN 25.11.2021 ThalifDeen Tradotto da: jpic-jp.org

Nei film di Hollywood, il leggendario selvaggio West è stato regolarmente ritratto con pistoleri, uomini di legge e cattivi,risultando una resa dei conti finale tra "buoni e cattivi".

Linda Thomson-Greenfield, ambasciatrice degli Stati Uniti presso l’ONU, ha detto al Consiglio di Sicurezza all'inizio di questo mese che le parti in conflitto, nella devastante guerra civile che perdura da 12 mesi in Etiopia, coinvolgono le Forze di Difesa Nazionale Etiopi, le Forze di Difesa Eritree, le Forze Speciali Amhara e il Fronte di Liberazione del Popolo Tigrino (FLPT). Ricordandola metafora hollywoodiana, ha osservato, "qui di buoni non c’è nessuno".

La battaglia è forse meglio caratterizzata come una resa dei conti tra un gruppo di cattivi contro un altro gruppo di cattivi, nonostante il fatto che il primo ministro etiope Abiy Ahmed, che sta attualmente guidando il conflitto e innescando crimini di guerra, di pulizia etnica e di genocidio, sia stato insignito del Premio Nobel per la pace nel 2019.

Come in molti conflitti e guerre civili in corso –Afghanistan, Yemen, Myanmar, Siria, Palestina, Iraq o Etiopia-, i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza che esercitano il veto, vale a dire Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Cina e Russia, sono nettamente divisi e protettivi nei confronti dei loro alleati… e dei loro prolifici mercati d’armi.

Tuttavia, il conflitto in Etiopia ha anche provocato un "monumentale disastro umanitario" in cui le agenzie dell’ONU e le organizzazioni di soccorso sono ostacolate dal governo etiope dalla consegna di cibo e forniture mediche per motivi politici.

Secondo i dati diffusi dalle organizzazioni umanitarie internazionali, decine di migliaia di persone sarebbero sfollate nelle regioni di Amhara e Afar a causa di combattimenti attivi in più località; circa due milioni di persone sono rimaste senza casa e circa sette milioni hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria.

L'ambasciatore Thomson-Greenfield ha detto ai delegati che è tempo che tutte le parti fermino immediatamente le ostilità e si astengano dall'incitamento alla violenza e alla divisione.

La retorica bellicosa e il linguaggio incendiario da tutte le parti di questo conflitto non fa che aggravare la violenza intercomunitaria. È tempo che il governo dell'Etiopia, il FLPT e tutti gli altri gruppi si impegnino in negoziati immediati per il cessate il fuoco senza precondizioni per trovare un percorso sostenibile verso la pace, ha affermato.

Èanche passato molto tempo prima che le forze di difesa eritree si ritirassero dal territorio etiope.

"È tempo di deporre le armi. Questa guerra tra uomini arrabbiati e bellicosi – vittimizzando donne e bambini – deve finire", ha dichiarato.

Ma rimane da chiedersi, chi sono i mercanti di morte in questo feroce conflitto che ha "già causato decine di migliaia di vittime e sfollato oltre 2 milioni di persone", e dove lo stupro viene sempre più usato come arma di guerra? Da dove vengono tutte queste armi?

Cina e Russia, due membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU, sono stati identificati come i principali fornitori di armi per l'Etiopia.

"Il tempo in cui la Forza di Difesa Nazionale Etiope (FDNE) si basava quasi esclusivamente sugli armamenti sovietici più datati, mescolati con alcuni dei loro modelli russi più moderni, è ormai lontano"."Negli ultimi dieci anni, l'Etiopia ha diversificato le sue importazioni di armi per includere una serie di altre fonti che sono attualmente Cina, Germania, Ucraina e Bielorussia".

Probabilmente più sorprendente è la presenza di paesi come Israele e gli Emirati Arabi Uniti in questa lista, che hanno fornito all'Etiopia una serie di sistemi d'arma specializzati, secondo un post sul blog di Oryx.

Alexandra Kuimova, ricercatrice, del Programma di Trasferimento di Armi presso l'Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma (SIPRI), afferma che in termini di volume(misurato nei ROV del SIPRI),la Russia e l'Ucraina sono state i maggiori fornitori di armi principali all'Etiopia negli ultimi due decenni, rappresentando rispettivamente il 50% e il 33% delle importazioni dell'Etiopia dal 2001 al 2020.

Le consegne dalla Russia hanno incluso 18 elicotteri da combattimento di seconda mano e aerei da combattimento trasferiti all’Etiopia tra il 2003 e il 2004. Le consegne più recenti, ricevute dall’Etiopia nel 2019, includevano quattro sistemi di difesa aerea mobile 96K9 Pantsyr-S1. Le consegne dall'Ucraina, tra il 2011 e il 2015, includevano 215 carri armati T-72B di seconda mano.

Afferma inoltre che ci sono anche stati europei che hanno trasferito armi importanti all'Etiopia  a partire dal 2001. Ad esempio, l'Ungheria ha fornito 12 elicotteri da combattimento Mi-24V / Mi-35 di seconda mano nel 2013. I veicoli chiamati “Bastione francese” consegnati allo stato nel 2016 sono stati finanziati dagli Stati Uniti. Le consegne dalla Germania del 2019 contavano sei aerei da addestramento.

Stephen Zunes, professore di Politica e presidente di Studi Mediorientali presso l'Università di San Francisco, ha scritto ampiamente sulla politica del Consiglio diSicurezza. Racconta: "La percezione di tali conflitti semplicemente come un problema africano ignora il fatto che gran parte delle morti non sarebbero possibili se non fosse per le armi occidentali inviate ai combattenti".

Nella maggior parte delle guerre civili, infatti, le armi leggere e di piccolo calibro sono di fondamentale importanza e spesso sono supportate da armi convenzionali di grosso calibro.

Dal 2011, la Cina è emersa come uno dei maggiori fornitori di armi per l'Etiopia. Alcune delle forniture che conosciamo, provenienti dalla Cina, includono un sistema di difesa aerea HQ-64 consegnato nel 2013 e 4 lanciarazzi multipli semoventi PHL-03 da 300 mm ricevuti dall'Etiopia nel 2018-2019. L'Etiopia ha anche importato circa 30 mezzi corazzati dalla Cina tra il 2012 e il 2014, ha riferitoKuimova.

Altri report dei media hanno fornito informazioni sulla presenza in Etiopia di droni cinesi WingLoong e iraniani Mohajer-6. Inoltre, diversi media affermano che la Turchia sta negoziando accordi sulle armi per vendere all'Etiopia un numero non identificato di droni armati Bayraktar TB-2.

Nel frattempo, in una delle zone di conflitto peggiori del mondo, vale a dire lo Yemen, gli attacchi aerei sono per lo più da parte dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti, equipaggiati con armi principalmente da Stati Uniti e Regno Unito, due membri permanenti del Consiglio di sicurezza.

Secondo Kuimova del SIPRI, non si sa molto sui trasferimenti di armi pesanti in Eritrea. Sembra che il paese non abbia ricevuto importanti quantità d’armi dal 2009, quando è entrato in vigore l'embargo sulle armi dell’ONU sull'Eritrea. L'embargo è stato revocato nel 2018; tuttavia, da allora non sono state documentate consegne importanti d’armi.

Tra il 2001 e il 2007, le importazioni dell'Eritrea d’armi pesanti includevano due sistemi di difesa aerea S-125-2T di seconda mano, ma modernizzati, forniti dalla Bielorussia nel 2005. La Bulgaria ha fornito 120 carri armati T-55 di seconda mano nel 2005. Tra il 2001 e il 2004, la Russia ha consegnato all'Eritrea 4 aerei da combattimento e circa 80 missili anticarro Kornet-E tra il 2001 e il 2005. Le consegne dall'Ucraina includevano 2 aerei da combattimento di seconda mano.

"Attualmente stiamo raccogliendo, analizzando e verificando informazioni open source sulle consegne nell'ultimo anno di armi importanti sia in Etiopia che in Eritrea ", ha affermato.

Lamancanza di trasparenza sulle consegne d’armamenti sia da part degli Stati importatori che di quelli esportatori rende difficile determinare le date di ordine e di consegna e il numero esatto e i tipi di armi trasferite negli ultimi anni. Ad esempio, dal 1997 l'Etiopia non presenta rapporti sulle sue importazioni di armi al Registro delle Armi Convenzionali delle Nazioni Unite (UNROCA), il principale strumento di trasparenza dell’ONU sulle armi convenzionali.La Cina, uno dei maggiori esportatori verso l’Etiopia dell'ultimo decennio, pare non abbia riferito all'UNROCA informazioni sui suoi trasferimenti d’armi verso l’Etiopia.

Foto. L'Etiopia ha svolto un ruolo importante negli sforzi delle Nazioni Unite per far progredire la pace nei punti caldi del mondo. La partecipazione del paese alle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite risale al 1951. © Nazioni Unite

 

Lascia un commento