Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Le Nazioni Unite lanciano un piano globale per l'energia pulita e conveniente

IPS Nazioni Unite 04.05.2022 Corrispondente IPS Tradotto da: Jpic-jp.org

Una trentina di agenzie dell’ONU e la Banca mondiale, il 4 maggio 2022, hanno lanciato un piano d'azione sotto l'etichetta ONU-Energia, per promuovere programmi energetici puliti ed economici, principalmente nei paesi in via di sviluppo.

Il piano d'azione "rappresenta la risposta collettiva dell'ONU alle attuali sfide globali in materia di energia e clima", ha affermato l'amministratore del programma di sviluppo dell’ONU e copresidente dell’ONU-Energia Achim Steiner.

“È essenziale che gli impegni presi al Dialogo ad alto livello sull'energia del 2021 e alla COP26 - la 26a Conferenza dei membri dell’ONU sui cambiamenti climatici, tenutasi a Glasgow, Regno Unito, nel 2021- si traducano in azioni sul campo, in particolare a sostegno dei più vulnerabili", ha aggiunto Steiner.

Il piano stabilisce un quadro d'azioni collettive di quasi 30 organizzazioni dell’ONU o all’ONU affiliate, per sostenere, facilitare e accelerare l'accesso all'elettricità per 500 milioni di persone e la fornitura di sistemi di cottura puliti per oltre 1 miliardo di persone.

Mira inoltre ad aumentare del 100% in tutto il mondo il volume di energia rinnovabile, eliminare i piani per la produzione di energia da carbone dopo il 2021, creare 30 milioni di posti di lavoro nel settore delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica e raddoppiare gli investimenti annuali nell'energia pulita.

Questo scopo è stato incluso negli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delineati dall’ONU per il 2030, in particolare l’OSS-7, che mira a garantire l'accesso a un'energia sicura, sostenibile e moderna.

Per affrontare queste sfide, il piano ha stabilito, come prima area d’intervento, di ampliare le misure congiunte per colmare il divario di accesso all'energia e garantire transizioni energetiche eque e inclusive, "che non lascino indietro nessuno".

Si propone anche di tessere un insieme di azioni che promuovano i partenariati tra le varie parti interessate, promuovere patti energetici e condurre una campagna globale a favore dell’OSS-7. Inoltre, per dare l'esempio, rendere più ecologiche le operazioni delle organizzazioni dell’ONU per l'energia.

È stato anche deciso di convocare un Forum d'azione globale sull’OSS-7, in margine alla settimana ad alto livello dell'Assemblea generale dell’ONU prevista per il prossimo settembre.

ONU-Energia informerà agli organi intergovernativi “chiave” su come sarà definita l'agenda attraverso l'analisi e gli orientamenti politici.

Sfrutterà inoltre la capacità dei dati, della digitalizzazione e della visualizzazione per rafforzare la supervisione, il monitoraggio, la responsabilità e la rendicontazione dei risultati in progetti energetici puliti e convenienti.

Parallelamente, nel corso della stessa giornata è stata lanciata anche una "Rete d'Azione del Patto per l'Energia", che cerca di collegare i governi in cerca di supporto per i loro obiettivi di energia pulita con altre amministrazioni e aziende, che si sono impegnate a sostenere questi impegni con un totale di più di 600.000 milioni di dollari.

Tra le prime, è stata annunciata una coalizione per la Nigeria e un'altra con il governo regionale metropolitano di Santiago del Cile. L'iniziativa di Santiago mira a promuovere l'energia solare e l'uso dell'elettricità per i trasporti pubblici e il riscaldamento nella capitale cilena.

L'accordo servirà a portare al 100% la quota, che è attualmente al 26%, di autobus elettrici nella città entro il 2030 e ad ampliare la rete di colonnine di ricarica per veicoli elettrici, sia pubblici che privati.

I partecipanti alla coalizione si impegnano inoltre ad accelerare la sostituzione delle stufe a legna negli edifici residenziali, commerciali e governativi con sistemi di riscaldamento elettrico, da i 10.000 sostituiti fino ad oggi a oltre 60.000 entro il 2030.

Foto. Un tecnico ispeziona un'installazione di pannelli solari in Zambia © Karin Schermbucker/UNDP

Vedi La ONU lanza un plan mundial para energía limpia y económica

Lascia un commento