Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Ah certo, il Congo, quasi dimenticato...

Le Soir 09.01.2023 Colette Braeckman Tradotto da: Jpic-jp.org

Quando si tratta di distogliere lo sguardo, ci sono sempre dei buoni motivi, perché, è vero, il Congo stanca, si ha la sensazione che la storia stia girando in tondo. In questo articolo Colette spiega anche perché in Congo siamo stufi delle Forze di Pace delle Nazioni Unite.

Un paese una cui vasta provincia è invasa da ribelli sostenuti da un paese confinante... Dove, dopo due decenni di presenza continua, i Caschi Blu sono impotenti e si accontentano di contare i morti... Un paese in cui vengono schierate milizie islamiste che si rifanno apertamente a Daesh, reclutando giovani disoccupati per trasformarli in combattenti e rimandarli indietro a tagliare le teste dei civili... Un paese vasto come l'Europa occidentale e minacciato di implosione... Un paese in cui la classe dirigente "divora" impunemente il 68% del bilancio statale e non è in grado di pagare regolarmente i militari o gli insegnanti... Un paese con 100 milioni di abitanti che è stato descritto, a seconda del momento e dell'interlocutore, come uno "scandalo geologico", il "polmone del pianeta" o un "paese risposta", ma che viene saccheggiato in modo metodico o anarchico da multinazionali, da vicini voraci, da avventurieri di ogni tipo e dai suoi stessi politici eletti che ora si candidano nuovamente alle elezioni...

In un'altra epoca, saremmo volati in Kolwezi, i paracadutisti sarebbero scesi sul campo, avrebbero preso in mano l'esercito e avrebbero ripristinato energicamente l'ordine. In un altro secolo, protesteremmo contro lo stupro delle donne, rifiuteremmo il destino dei bambini nelle miniere, boicotteremmo i minerali il cui sfruttamento selvaggio avvelena i campi e i fiumi, rifiuteremmo i visti ai politici corrotti, metteremmo in dubbio la validità delle regole che vietano ai cittadini più onesti di questi paesi di avere conti bancari nel nostro paese, mentre chiudiamo gli occhi sul passaggio di valigie diplomatiche piene di biglietti verdi.

In un'altra epoca, un secolo prima, o addirittura alla fine del secolo scorso, avremmo fatto una campagna per il Congo, perché è di questo paese che stiamo parlando, saremmo scesi in piazza non per imbrattare le statue, ma per denunciare la brutalità dell'attuale saccheggio, avremmo manifestato perché cessassero le guerre e le predazioni di ogni tipo... Ma c'è l'Ucraina e la legittima indignazione suscitata dall'aggressione russa, c'è il prezzo del gas e del petrolio, l'inflazione, il clima, i grandi processi... Quando si tratta di distogliere lo sguardo, ci sono sempre buone ragioni, perché, è vero, il Congo stanca, si ha la sensazione che la storia giri in tondo. E poi, non viviamo forse nel tempo delle commissioni d'inchiesta che dimenticano l'attualità e finiscono in una vaschetta per pesci, dei lobbisti che, in nome di buone cause da difendere, "consumano" somme considerevoli che avrebbero meritato un uso migliore... Ah sì, il Congo, è vero, ce ne eravamo quasi dimenticati, c'erano tanti altri argomenti di cui occuparsi... Stiamo sereni: tra qualche decennio, ci verrà chiesto di scusarci ancora una volta, non per la colonizzazione, ma per la fredda indifferenza dei giorni nostri.

Vedi, Ah oui, le Congo, presque oublié…Vedi anche Christophe MBoso, président de l’Assemblée nationale de la RDC: «La guerre au Kivu est le fait du président rwandais»

Lascia un commento