Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Pigmei, gli ultimi custodi della foresta

Butembo 27.05.2022 Jpic-jp.org Tradotto da: Jpic-jp.org

Ci sono sempre stati nella storia persone e gruppi umani che hanno fatto advocacy, anche prima che la parola fosse registrata nella lingua inglese nel 1300. Per la giustizia sociale possiamo risalire al profeta Amos come per la natura a San Francesco. I Pigmei sono sempre stati i custodi della foresta, veri difensori della foresta. In passato, senza esserne pienamente consapevoli, ma non oggi quando il loro mondo è in procinto di scomparire, come fa l'ecosistema che è sempre stato la loro casa: la foresta.

Messok Dja, un'area della foresta pluviale del Congo particolarmente ricca di biodiversità, è la terra ancestrale del popolo Baka che cura la foresta da tempo immemorabile. I Baka sono uno dei tanti gruppi pigmei che vivono nella foresta che si estende dalla Catena Congo-Nilo all'Oceano Atlantico. Sono chiamati Pigmei africani, cacciatori-raccoglitori della foresta pluviale africana o Popolo forestale dell'Africa centrale. Gli scienziati li identificano approssimativamente in tre gruppi geografici principali: i Bambenga della regione occidentali, i Bambuti in quella orientale e i Batwa della zona centrale e meridionale.

Quello dei Pigmei è un mondo affascinante. Vivono di caccia e pesca, sono raccoglitori semi-nomadi. Hanno sempre vissuto nel loro mondo e felici di essere lì. La modernità è arrivata, ha contaminato e distrutto le loro tradizioni. I Bantu li trattano come paria; li sfruttano come bestie, senza alcun diritto o dignità. Ora le malattie della modernità, i virus e i batteri del mondo esterno che i loro anziani non conoscevano minacciano la loro vita.

Serpenti di terra rossa entrano nella foresta pluviale quasi con arroganza, la stessa arroganza degli abitanti dei villaggi hanno nei confronti della popolazione pigmea, sempre più molestata, discriminata e disprezzata in tutti i paesi. Eppure, secondo l'UNESCO, gli Aka – chiamati anche Bayaka – e tutti gli altri gruppi pigmei sono i primi abitanti della foresta pluviale che si diffonde in quasi otto paesi dai Monti del Congo-Nilo all'Oceano Atlantico. Invece, i pigmei sono i più poveri tra i poveri in questi paesi poco sviluppati.

Mentre finge di stabilire una zona di conservazione sulla loro terra senza il loro consenso, il World Wide Fund for Nature (WWF) minaccia i Baka. I ranger del parco commettono atrocità violente contro di loro, aggredendo, derubando e uccidendo persone in nome della "conservazione della natura". Ci sono ranger armati che pattugliano l'area anche se il parco non è ancora stato istituito. Il WWF ne è consapevole da anni, ma ha fatto poco per affrontare il problema. In realtà, chi finanzia il progetto del WWF sono le società di disboscamento per l’olio di palma, tra le altre.

I risultati devastanti di un'importante indagine appena pubblicata documentano le gravi violazioni dei diritti umani e atrocità che si verificano contro il popolo indigeno Batwa nel Parco Nazionale di Kahuzi-Biega (PNKB), nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Il rapporto del Minority Rights Group (MRG) con sede a Londra, pubblicato il 6 aprile 2022, mostra che le autorità del Parco sono responsabili di un programma triennale di espulsioni forzate e violente (Leggi il report qui).

I pigmei hanno un legame intimo con la loro terra, dove vivono da tempo immemorabile. Fanno anche affidamento sulla foresta per medicine, cibo e abitazioni e hanno i loro sofisticati codici di conservazione. La foresta è la loro vita. Togliere loro la foresta significa impedire loro di nutrirsi. Condannarli a morire. Pertanto, sono istintivamente i custodi della foresta non perché siano i buoni selvaggi immaginati da J.J. Rousseau, ma perché proteggere la foresta è difendere se stessi.

Un pigmeo lo disse chiaro a un ranger della riserva naturale di Okapi nella foresta di Ituri. Il ranger voleva proibirgli di cacciare nella riserva "perché vai a uccidere l’Okapi per la carne". Il pigmeo rispose: "Niente affatto, la carne dell’Okapi non è buona, noi mangiamo scimmie". In realtà, chi ha attaccato i ranger venerdì 14 luglio 2017 uccidendone quattro perché impedivano la caccia nel parco era un gruppo armato di ribelli della zona, non i Pigmei.

Il diritto internazionale dice che qualsiasi progetto in una terra tribale può andare avanti solo con l'accordo delle persone che vi abitano. Il progetto Messok Dja ha infranto questa legge, così come la Riserva Naturale di Okapi: questi progetti non hanno ottenuto il consenso libero, preventivo e informato delle comunità locali prima di iniziare il processo di creazione dei parchi. La foresta è ora off limits per la tribù Baka come lo è per il gruppo Bambuti. Se cercano di andarvi, i ranger li fermano.

Come gli indigeni della foresta amazzonica, i pigmei sono i migliori custodi della foresta africana.  In America Latina, la REPAM (acronimo spagnolo per Rete Ecclesiale Panamazzonica,) è stata istituita nel 2014 per rispondere alle preoccupazioni di Papa Francesco e della Chiesa latinoamericana riguardo alle "profonde ferite che l'Amazzonia e i suoi popoli soffrono". Incarna "la sincera opzione di Papa Francesco per la difesa della vita, la difesa della terra e la difesa delle culture". Gli sforzi della REPAM hanno portato ad un evento importante, il Sinodo Amazzonico.

Recentemente, nel marzo 2015, le Conferenze Episcopali dell'Africa e del Madagascar (SECAM) hanno lanciato la REBAC (Rete Ecclesiale per il Bacino del Fiume Congo), la cui missione è quella di portare ogni abitante del Bacino del Congo, in particolare i giovani, ad appropriarsi dei temi dell'ambiente e dei cambiamenti climatici, nonché della visione della REBAC. La visione e la speranza della REBAC è che "nord-sud, le popolazioni indigene e le comunità locali, le generazioni presenti e future abbiano accesso a una vita di migliore qualità attraverso una gestione responsabile e sostenibile delle risorse naturali e in particolare delle risorse energetiche, ittiche, biologiche, forestali e zootecniche disponibili. Chiediamo, speriamo e continueremo a chiedere  che REBAC, come fa REPAM per le popolazioni indigene, presti particolare attenzione ai pigmei centrafricani.

Vedi anche Atrocities prompt US authorities to halt funding to WWF, WCS in major blow to conservation industry. EU suspends funding to WWF’s flagship African project after persistent abuses. Damning UN investigation condemns WWF flagship project in Congo, reveals massive scale of abuses.  Scopri di più su Pigmei, gli ultimi custodi della foresta con foto meravigliose di Bruno Zanzottera e Marco Trovato

Photo. Un pigmeo Mbuti-Efe della foresta di Ituri, si disseta usando una foglia come tazza © Bruno Zanzottera e Marco Trovato

Lascia un commento

I commenti dai nostri lettori (1)

Josefa Lopez 01.06.2022 Me impresionó mucho el artículo, increíble que sigan pasando cada vez más estas situaciones, solo por poder y dinero! ¿Piensan estos poderosos que vivirán toda una eternidad? Cuanto dolor estamos contribuyendo a expandir en tantos hermanos nuestros en todas partes.