Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Il corpo politico più potente dell’ONU paralizzato davanti ad una nuova guerra fredda

IPS 14.04.2021 Thalif DeenReprint Tradotto da: Jpic-jp.org

Una nuova guerra fredda – questa volta tra Stati Uniti e Cina – minaccia di paralizzare l'organismo più potente dell’ONU, anche se conflitti militari e guerre civili stanno dilagando in tutto il mondo, soprattutto in Africa, Medio Oriente e America Latina.

 

Le crescenti critiche contro il Consiglio di Sicurezza sono dirette in gran parte ai suoi fallimenti collettivi nel risolvere i conflitti e le crisi politiche in corso in diversi punti caldi - tra cui Siria, Yemen, Afghanistan, Iraq, Myanmar, Somalia, Sud Sudan, Ucraina e Libia -, e al suo fallimento di lunga data sulla Palestina. Le forti divisioni tra Cina e Russia, da un lato, e le potenze occidentali dall'altro, dovrebbero continuare, facendo sorgere la domanda: il Consiglio di sicurezza è ancora utile o ha perso la sua credibilità politica?

Le cinque grandi potenze continuano a proteggere i loro alleati, nonostante crescano le accuse di crimini di guerra, genocidio e violazioni dei diritti umani contro questi paesi. La scorsa settimana, Yasmine Ahmed, direttore britannico di Human Rights Watch, ha invitato la Gran Bretagna "a farsi avanti come negoziatore in Myanmar e ad avviare i negoziati su un progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza per un embargo sulle armi e per delle sanzioni mirate contro i militari". Oltre 580 persone, tra cui bambini, sono state uccise dal colpo di Stato del 1° febbraio: "E’ tempo che il Consiglio di Sicurezza faccia di più che rilasciare dichiarazioni e inizi a lavorare per un'azione concreta", ha chiesto.

Ma nella maggior parte di questi conflitti, compreso nel Myanmar, gli embarghi sulle armi sono molto improbabili perché i principali fornitori di armi delle parti in conflitto sono proprio i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza, vale a dire Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Russia e Cina.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha descritto il nuovo confronto crescente come una battaglia tra democrazie e autocrazie. In un recente articolo analitico, il New York Times ha affermato che l'allineamento più sorprendente è quello della Cina con la Russia, due paesi che hanno iniziato ad avvicinarsi dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014. I due paesi hanno anche annunciato che costruiranno congiuntamente una stazione di ricerca sulla luna, unendo le loro forze per competere con i programmi spaziali degli Stati Uniti. "La minaccia di una coalizione guidata dagli Stati Uniti che sfida le politiche autoritarie della Cina non ha fatto altro che rafforzare l'ambizione di Pechino di essere un leader globale delle nazioni che si oppongono a Washington e ai suoi alleati", ha detto il Times.

Ian Williams, presidente della Foreign Press Association con sede a New York e autore di "UNtold: The Real Story of the United Nations in Peace and War", afferma che nei primi anni, con una maggioranza sicura nell'Assemblea Generale (GA), gli Stati Uniti potevano fingere una certa morale e astenersi dall’uso del veto. Mentre i nemici sovietici vi fecero ricorso più volte. “Ma per via delle tante leggi ONU e internazionali, il caso eccezionale d’Israele ha fatto recuperare agli Stati Uniti il tempo perso. Ora sono i russi che stanno recuperando con i veti per Serbia e Siria". La Cina, ha sottolineato, ha evitato di usare il veto a meno che non venisse menzionato Taiwan o il Tibet.

Ai vecchi tempi c'era in gioco anche la dimensione ideologica: terzo mondo e socialismo contro imperialismo. “Ma ora è un affare interamente transazionale, i detentori del diritto di veto si prendono cura dei loro clienti e alleati: nessuno dovrebbe farsi illusioni sul fatto che Cina e Russia agiscano in modo progressivo e costruttivo. Ma gli Usa non sono in grado di puntare il dito contro la Siria mentre proteggono l'Arabia Saudita e Israele”. Si potrebbe sperare che la maggioranza dei membri dell’ONU s’indigni a sufficienza da creare una risposta sdegnata. Purtroppo, l'esperienza storica suggerisce che molti governi hanno una tolleranza quasi illimitata per gli omicidi di massa in paesi lontani di cui sanno poco. Tra questi Darfur, Balcani, Ruanda e ora Myanmar.

Ci sarebbe una svolta se gli Stati Uniti dicessero, “Basta occupazioni” e invitassero gli altri paesi a unirsi in una riaffermazione della Carta dell’ONU. "Ma come non credo nella fatina dei denti, mi è difficile essere fiducioso in una coalizione nella Assemblea Generale di persone responsabili unite per la pace, il diritto e l'ordine internazionale", ha detto Williams.

Alle domande su gli omicidi in Myanmar e sulla mancanza di azione nel Consiglio di sicurezza dell’ONU, il segretario generale Antonio Guterres ha detto ai giornalisti il 29 marzo: "Abbiamo bisogno di più unità nella comunità internazionale. Abbiamo bisogno di maggiore impegno nella comunità internazionale per esercitare pressioni per garantire che la situazione si inverta. Sono molto preoccupato. Vedo, con molta preoccupazione, il fatto che, a quanto pare, molte di queste tendenze sembrano irreversibili, ma la speranza è l'ultima cosa a cui possiamo rinunciare”.

Vijay Prashad, direttore esecutivo di Tricontinental Institute for Social Research, che ha scritto ampiamente sulla politica internazionale, ha detto all'IPS, "l’ONU sono un'istituzione essenziale, un processo, per molti versi, piuttosto che un'istituzione completamente finita". "Le agenzie delle Nazioni Unite", ha aggiunto, "forniscono un servizio vitale ai popoli del mondo; dobbiamo rendere queste istituzioni più solide, dobbiamo garantire che guidino un'agenda pubblica che promuova i principali obiettivi della Carta delle Nazioni Unite (vale a dire mantenere la pace, porre fine alla fame e all'analfabetismo, fornire la base per una vita soddisfacente)". "Il Consiglio di Sicurezza è vittima delle battaglie politiche del mondo", ha sostenuto.

"Non c'è modo di avere un contesto migliore per gestire i principali differenziali di potere [che l’ONU]" ha detto Prashad, autore di 30 libri, tra cui l'ultimo 'Washington Bullets'. "Ma sarebbe molto meglio dare potere all'Assemblea generale dell’ONU, che è più democratica, ma dagli anni '70 abbiamo visto come gli Stati Uniti – in particolare – abbiano minato l'AG per far sì che le decisioni fossero prese quasi esclusivamente dal Consiglio di Sicurezza ".

"Sin dalla caduta dell'URSS", ha detto, "il Segretario Generale dell’ONU è stato sottomesso al governo degli USA ("lo abbiamo visto in modo scioccante con il trattamento dell'ex segretario generale Boutros Boutros-Ghali"). Il nuovo "Gruppo di amici per difendere la Carta delle Nazioni Unite", che comprende Cina e Russia, è un passo positivo", ha affermato Prashad.

L'ambasciatrice statunitense Linda Thomas-Greenfield ha dichiarato ai giornalisti il 31 marzo: "In termini di collaborazione con i miei omologhi del Consiglio di Sicurezza, so che ci sono aree – e questa è una discussione che ho avuto sia con i miei colleghi russi che cinesi – dove sappiamo che ci sono linee rosse". "Ci sono aree in cui abbiamo serie preoccupazioni, e su queste preoccupazioni siamo stati aperti e sinceri. Ad esempio, ciò che sta accadendo in Cina con gli uiguri e con la Russia, quanto accade in Siria. Ma ce ne sono molti altri. Sappiamo quali sono le linee rosse".

"Abbiamo cercato di colmare queste distanze, ma cerchiamo anche di trovare quelle aree in cui abbiamo un terreno comune. Siamo riusciti a trovare un terreno comune in Birmania (Myanmar). Con i cinesi, stiamo lavorando sul cambiamento climatico in un modo, credo, molto positivo. Non siamo esattamente sulla stessa posizione, ma è un'area in cui possiamo avere un dialogo. "Quindi, in qualità di alto diplomatico degli Stati Uniti a New York, è mia responsabilità trovare un terreno comune in modo da poter raggiungere obiettivi comuni, ma non possiamo dare a nessuno dei due paesi adito quando violano i valori dei diritti umani o spingono in direzioni che riteniamo inaccettabili", ha dichiarato.

Tornando a un'epoca passata, durante il culmine della guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica negli anni '60, l’ONU è stato campo di battaglia ideologico in cui americani e sovietici si sono scontrati – sia nello spazio della sala dell'Assemblea Generale che al tavolo del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Una guerra di parole memorabile ebbe luogo nell'ottobre 1962 quando l'ambasciatore statunitense Adlai Stevenson (1961-65), due volte candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti, sfidò l'inviato sovietico Valerian Zorin con l’accusa che l'URSS aveva spostato missili nucleari a Cuba, a poca distanza dagli Stati Uniti.

Parlando in una tesa riunione del Consiglio di Sicurezza, Stevenson ammonì Zorin: "Ti ricordo che non hai negato l'esistenza di queste armi. Al contrario, ti abbiamo sentito dire che erano diventate improvvisamente armi difensive. Ma oggi — ancora una volta, se ho sentito bene — dici che non esistono, o che non abbiamo dimostrato che esistono, con un'altra bella ondata di disprezzo retorico". "Lasci che le faccia una semplice domanda - ha incalzato Stevenson-. Lei, ambasciatore Zorin, nega che l'URSS abbia piazzato e stia piazzando missili e rampe di lancio a medio raggio a Cuba? Sì o No? Non aspettare la traduzione: Sì o No?", ha insistito Stevenson con un tono di implicita arroganza.

Parlando in russo attraverso un traduttore dell'ONU Zorin ha risposto: "Non sono nell'aula di un tribunale americano, signore, e quindi non ho voglia di rispondere a una domanda che mi viene posta come farebbe un procuratore. A tempo debito, signore, avrà la sua risposta. Non si preoccupi”. Non dandosi per vinto, Stevenson urlò di rimando: “In questo momento sei davanti al tribunale dell'opinione pubblica mondiale e puoi rispondere sì o no. Hai negato che esistano. Voglio sapere se ... ti ho capito bene". Quando Zorin ribadì che avrebbe fornito la risposta a "tempo debito", Stevenson ribatté: "Sono pronto ad aspettare la risposta fino a quando l'inferno non si sarà congelato".

Grazie agli Stati Uniti, e ora alla Russia e alla Cina, l'ONU e ancor più il Consiglio di Sicurezza non sono più quel tribunale mondiale, e meno ancora sono in misura di risolvere la crescente guerra fredda tra Pechino e Washington.

Vedi UN’s Most Powerful Political Body Remains Paralyzed Battling a New Cold War

Photo. The UN Security Council is now the battleground for a new Cold War between the US and China. © United Nations

Lascia un commento

I commenti dai nostri lettori (1)

Paul Attard 29.05.2021 In the end it was quite entertaining, especially the way of words between Adlai Stevenson & Zorin. Perhaps it’s time that the bit 5 are changed. They’ve been there too long in the Security Council. Paul