Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Primi frutti della campagna: "non esportiamo i nostri problemi"

AEFJN - Food Sovereignty 23.01.2020 Odile Ntakirutimana Tradotto da: Jpic-jp.org

Nell’aprile 2019, AEFJN - Africa Europe Faith and Justice Network - ha partecipato a una serie di attività organizzate dalla nostra piattaforma di organizzazioni della società civile. Queste attività miravano a sensibilizzare sulle difficoltà dei produttori lattiero-caseari europei e africani chiedendo al contempo adeguamenti politici per ridurle. [1] Questo programma di attività è stato ben accolto e ha attirato un gran numero di partecipanti, il che ha permesso alle due parti di andare oltre i loro giochi di ripicche per ascoltarsi in modo diverso e comprendere il problema implicito comune.

L'impatto negativo della sovrapproduzione di latte in Europa sui produttori di latte dell'Africa occidentale, oggetto di questa campagna, è un simbolo delle difficoltà incontrate da molti altri settori agricoli in Africa. Alla base degli squilibri e delle derive c'è il quadro disegnato dalle politiche agricole, commerciali e di sviluppo dell'Unione europea - la politica agricola comune (PAC) - che decise di abbandonare le quote latte e di aiutare in modo subdolo le esportazioni a basso costo con il sistema di sussidi; una politica commerciale che, attraverso la negoziazione di accordi, riunisce attori con disparità di peso e stabilisce tariffe doganali svantaggiose per i meno fortunati; una politica di sviluppo che non appoggia i progetti di sviluppo del settore lattiero-caseario locale.

Durante le audizioni nel Parlamento europeo dei Commissari nominati per costituire la nuova Commissione europea, gli attori della campagna "N'exportons nos problèmes" (Non esportiamo i nostri problemi) hanno posto domande per scoprire le intenzioni dell'esecutivo europeo in merito allo scandalo dell'esportazione di latte potenziato in grasso con olio di palma e, più in generale, lo sviluppo di settori agricoli locali sostenibili. I risultati sono questi: l'implementazione di uno strumento per monitorare le esportazioni di latte in polvere potenziato in grasso con olio di palma; la presa in considerazione della campagna da parte dei politici; l'apertura del dialogo con la Commissione europea a seguito dei vari scambi tra gli attori della campagna e i servizi della Commissione europea, che ha creato una linea tariffaria specifica per il latte scremato in polvere potenziato con grassi vegetali (MGV). Concretamente, si tratta di contabilizzare la quantità di miscela di polvere-MGV esportate dall'Unione Europea ogni mese e identificare i paesi di esportazione. Ma anche per rendere pubblici questi dati. Questa specifica linea tariffaria consentirà quindi di essere in grado di conoscere in modo preciso e ufficiale lo stato e l'evoluzione del commercio di questo prodotto in uscita dall'Unione europea. L'effettiva attuazione di questa nuova linea tariffaria è stata programmata per il 1° gennaio 2020; un tema dunque da seguire. Le prime cifre saranno disponibili pochi mesi dopo. Questo è un vero passo avanti nella trasparenza, che fa seguito a una delle raccomandazioni della campagna. Fino ad oggi, non esiste uno strumento per monitorare le esportazioni di latte in polvere “potenziato” con grassi vegetali. Per coloro che sono coinvolti nella campagna, è anche una vittoria importante, poiché consentirà di passare nel dibattito dalle statistiche alle soluzioni. Ma mostra anche che la Commissione europea riconosce l'importanza dell'argomento nelle questioni trattate.

Durante un seminario interno della direzione generale per la cooperazione allo sviluppo della Commissione europea (DG DEVCO) destinato ai suoi agenti, la presentazione della DG TRADE (commercio) sul tema "Commercio e sistemi alimentari sostenibili" si è concluso con un audiovisivo della campagna, nonostante che nessun membro della coalizione fosse presente.

Numerosi incontri si sono svolti nei mesi di settembre e ottobre 2019 durante la visita di rappresentanti degli allevatori dell'Africa occidentale. Hanno potuto incontrare numerosi deputati europei che hanno mostrato un reale interesse per l'argomento. Un incontro presso la Commissione europea ha riunito i funzionari delle tre più importanti direzioni generali della campagna (DEVCO, AGRI e TRADE) e questo durante un periodo di molto intenso lavoro per la Commissione, il che mostra una reale apertura al dialogo. La Commissione ha promesso di invitare i caseifici europei a prendere parte a questo dialogo e ha espresso un grande interesse per il prossimo studio sugli aspetti nutrizionali. Le conversazioni tra le parti interessate della campagna e la Commissione su questo ultimo punto continuano.

Questa vittoria simbolica mostra che i nostri strumenti hanno per lo meno aiutato a trasmettere i messaggi della campagna. Sono state ottenute tre vittorie, ma tutt'altro che sufficienti. La questione della coerenza delle politiche europee, non solo con i principali obiettivi stabiliti dalla Commissione, ma anche tra di loro, è fondamentale per lo sviluppo dell'agricoltura contadina nel Sud. [2]

Come è stato più volte sottolineato in questa campagna, la coerenza delle politiche è molto necessaria. In effetti, le politiche di cooperazione agricola, commerciale, ambientale e di sviluppo dell'Unione europea, se messe in coerenza, dovrebbero da un lato consentire di ridurre la produzione di latte in Europa e quindi aumentare il reddito di allevatori e, d'altra parte, vietare l'importazione di olio di palma per la riesportazione mescolata con latte scremato in polvere in Africa occidentale a scapito dello sviluppo delle catene di latte locali e degli allevatori dell’Africa occidentale. [3]

La campagna "Non esportare i nostri problemi" continua e contiamo sui nostri deputati per far sì che si diano i risultati!

Maggiori informazioni su questo argomento e gli sviluppi che sono seguiti dall'aprile 2019 sono disponibili sui seguenti siti Web:

Vedi l’originale: Premiers fruits de la campagne : « n’exportons pas nos problèmes »; vedi anche "Quel latte europeo all'olio di palma che affama l'Africa"

[1] http://aefjn.org/fr/ce-qui-se-passe-la-bas-nous-touche-ici-defis-communs-des-producteurs-de-lait-europeens-et-africains/

[2] https://www.nexportonspasnosproblemes.org/victoires-pour-la-campagne/

[3]https://www.nexportonspasnosproblemes.org/retour-sur-la-conference-nouvelle-commission-nouvelle-approche/

Lascia un commento