Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

L'elenco delle esclusioni dell’ONU per motivi sessuali non è all'altezza

IPS 29.06.2022 Thalif Deen Tradotto da: Jpic-jp.org

Nella sede delle Nazioni Unite a New York, la politica di tolleranza zero per le molestie sessuali viene infranta dal caso di un alto funzionario che ha dovuto dimettersi per accuse "credibili" di aver commesso tale reato e ora, da pensionato, rientra nell’organizzazione.

Le Nazioni Unite (ONU) stanno reprimendo le molestie sessuali a livello di sistema dal 2017, mentre la sua politica di protezione degli informatori ha fornito "uno status protetto" a quasi 68 funzionari di organismi mondiali che hanno denunciato atti illeciti.

Tuttavia, Equality Now, organizzazione internazionale per i diritti umani, accusa l'ONU di aver una politica di "tolleranza zero" vacillante come dimostra un caso che sta diventando il simbolo delle crepe di questa strategia, che pretende essere una delle bandiere della l'attuale segretario generale, Antonio Guterres.

Antonia Kirkland, Direttrice Mondiale di Uguaglianza Giuridica e accesso alla Giustizia di Equality Now, ha detto all'IPS che la sua organizzazione è rimasta "scioccata e preoccupata nello scoprire che Kingston Rhodes, un ex segretario generale aggiunto dell’ONU, è stato autorizzato a tornare negli Stati Uniti negli uffici dell’ONU”.

E questo, “pur avendo in precedenza dovuto rassegnare le dimissioni da una posizione di alto livello dopo molteplici accuse di molestie sessuali a suo carico ritenute 'credibili' in un'indagine svolta dall'Ufficio dei servizi di controllo interno”, si è lamentata.

Nonostante lo stesso Guterres abbia riconosciuto ‘credibili’ le accuse di molestie e abusi sessuali, Rhodes, ex presidente della Commissione per il servizio civile internazionale (CAPI), "ha potuto dimettersi con calma" senza essere ritenuto responsabile del suo comportamento. Ancora più allarmante, ha osservato Kirkland, che gli sia ora permesso di assumere una posizione influente come volontario nel Consiglio delle associazioni di pensionati del personale presso la sede dell’ONU a New York.

"La riconferma di Rhodes, alla luce del suo comportamento passato inaccettabile, è un affronto alle donne di cui è stato vittima", ha affermato lo specialista di Equality Now. Inoltre, ha affermato, "dissuade le altre persone che hanno subito molestie sessuali dal denunciare casi perché invia il tossico messaggio che, ancora una volta, uomini potenti dell’ONU possono molestare impunemente le loro colleghe".

Equality ha inviato una lettera a Guterres esprimendo preoccupazione per il fatto che a Rhodes sia stato permesso di ricoprire questa posizione, mentre avrebbe dovuto essere "squalificato dal servizio nel Fafics/New York Board of Pensions ed è stato chiesto di dimetterlo immediatamente da questa posizione". FAFICS è l'acronimo di Federation of Associations of Ex International Civil Servants, l’associazione interna dei pensionati dell’ONU.

Il 10 giugno, Equality Now ha ricevuto quella che definisce "una risposta insoddisfacente" da Catherine Pollard, Segretaria generale aggiunta per le strategie di Gestione, Politica e Conformità.

La risposta di Pollard affermava: "Avendo preso atto delle vostre preoccupazioni, devo richiamare la vostra attenzione sul fatto che, poiché il signor Rhodes è un ex funzionario in pensione, il Segretario generale non ha giurisdizione sulla sua presenza in un Comitato Fafic".

Kirkland afferma che ciò contraddice il fatto che l’ONU afferma di avere una "lista di esclusione" di 564 nomi di persone che hanno lasciato l’istituzione a seguito di accuse di abusi o molestie sessuali. Il nome di Rhodes "dovrebbe essere in quella lista", ha sottolineato. A suo avviso, non dovrebbe in alcun modo essere autorizzato a "rappresentare gli interessi" delle vittime di molestie sessuali o di qualsiasi altro ex funzionario dell’ONU. "Le sue vittime, inoltre, non dovrebbero essere obbligate a ulteriori interazioni con lui o a doversi garantire che le proprie informazioni personali finanziarie e di altro tipo siano condivise con lui attraverso gli organi dell’ONU", sostiene Kirkland.

Per l'attivista, l'ONU è il principale difensore internazionale dei diritti umani e deve applicare il suo approccio di tolleranza zero per le molestie sessuali a tutti i suoi funzionari, senza eccezioni e indipendentemente dalla posizione ricoperta dall'aggressore.

"Chiunque sia ritenuto colpevole di molestie sessuali deve essere pienamente ritenuto responsabile e le vittime e gli informatori devono essere protetti da future interazioni con loro", ha affermato.

Kirkland ha ricordato che "i dipendenti attuali ed ex continuano a lanciare l'allarme sulla diffusa sottostima di molestie e abusi sessuali nelle istituzioni dell’ONU".

Per porre fine a questa situazione, ha affermato, “è urgentemente necessaria una forte leadership per garantire l'applicazione di politiche chiare ed efficaci, il trattamento tempestivo dei reclami e la protezione e il sostegno sia delle vittime che dei denuncianti".

Shihana Mohamed, che ha lavorato sotto Rhodes nell'ufficio della Commissione per il servizio civile internazionale, CAPI, come responsabile della politica delle risorse umane, ha ricordato che "è stato confermato che Rhodes era un molestatore sessuale". Per questo, ha affermato, la sua nomina a Fafics/New York, in rappresentanza degli interessi di ex funzionari, "è scioccante, profondamente preoccupante e inaccettabile".

"È tanto più scioccante perché arriva dopo una serie di iniziative prese dal Segretario generale Antonio Guterres e dal suo gruppo di lavoro sulle molestie sessuali, nonché numerosi sforzi da parte di organizzazioni dell’ONU, ONG e società civile", ha affermato Muhammad.

La tolleranza zero per le molestie sessuali e il non consentire ai trasgressori sessuali di rientrare nel sistema dell’ONU, formalmente o informalmente, dovrebbero essere fondamentali per salvaguardare la dignità di tutto il personale, ha affermato l'alto funzionario, che ha più di 20 anni di esperienza nell’organizzazione, con incarichi in diverse istanze di governo interno.

A suo avviso, solo in questo modo sarà possibile garantire l'integrità delle politiche e dei meccanismi dell'ONU e creare un ambiente favorevole in tutto il sistema.

“Tutte le organizzazioni formali e informali affiliate all’ONU, inclusa Fafic, dovrebbero smettere di consentire molestie sessuali e premiare i molestatori sessuali. Dovrebbero fare del loro meglio per sostenere i valori della Carta delle Nazioni Unite", ha affermato Mohamed.

Il portavoce dell’ONU Stéfhane Dujarric ha affermato che "quando si sente di persone che hanno subito molestie o abusi sessuali nel sistema dell’ONU, il nostro affetto è per loro". Era in risposta a una domanda su un documentario della BBC andato in onda di recente sugli abusi sessuali e la corruzione nel sistema dell’ONU e le denunce di informatori al riguardo. Ma questo allora dovrebbe funzionare anche per il caso Rhodes.

Ha concluso che Guterres rimane "focalizzato sul rafforzamento delle protezioni degli informatori" e che dal 2017 "circa 68 persone hanno ricevuto una qualche forma di protezione per aver segnalato illeciti".

Vedi, La lista de exclusión de la ONU por acoso sexual se queda corta

Lascia un commento